Mauro Montacchiesi

A Monna Laura

Infr’aulenti rose Reina o Voi Madonna Laura

‘n que’l magico alon ‘n que’la mistica aura

costì ne l’ecclesi’assisa ‘n Santa Chiara d’Avignon

fatal incolsi di Voi primiera più superna vision.

-

A ‘l primier et repente mirar mia foste Voi lirica Musa

l’alma mia frale rimanse costì smagata et confusa.

Et V’amò ah cotant’in doglia V’amò l’alma mia frail allibita

consorte laonde a De Sade rubino cruor ne plorò la ferita.

-

De lo Stil Novo de’l tron V’adimaste(*)

et Vi tolleste postreme l’organze rimaste!

De ‘l tron V’adimaste intra l’herb’et i flor

ond’esurir non più abstracti o ver tangibil’Amor!

-

Leggiadr’et ignuda in ablution Voi ne la Sorga

chiara fresca et dolce anchor l’acqua vi sgorga.

La mia precta rimanse contemplation amorosa

prava et dogliosa fu onn’ìrrita speme ambasciosa.

-

‘l plor mio non fu ch’una d’assenzo dolcezza

solo d’incosto alcuna possètti “a Voi” farVi carezza.

Le rime mie furo l’elegie di struggente lamento

de la lassa mia vita ne l’obscuro sgomento.

-

Seppi eziandio esser drudo et insan et seren

per la Vostra freddura non amarVi di men.

‘l desir de la Parca m’incolse ‘n vision

« chiare fresche et dolci acque » cotesta mia l’obsession.

-

Et Voi di repent’appariste ninf’amena et serena

intra flor a nembo cadenti et d’acqua una vena.

« Et audienza chiersi a le dogliose mie not’extreme »

ragionandoVi : « Audite cotesto cor mio com’il freme ? »

-

Ma fatua quanto Voi fuste ‘n Vostra bellezza

vagheggiarVi sol inciprignìa Vostr’alterezza.

Indifferente « unqua curaste né rime né versi »

et laonde ‘n terebrant’ et imo meror i’ mi persi.

-

‘n Vostra vita Monna Laura era ‘l disegno

Vostra l’obligazion di me render degno

infin con orbàco d’esser bardo in su l’orbe acclamato

et d’Amor querul drudo laond’in empirio beato.

-

Unquanc’audiste l’impetrazion mie disperate

per Voi financo lassai la vesta d’ìnclito vate(**).

Per d’alma bontate ragionansi che non mi cedeste

stilettate cotante al cor Voi per contro mi deste.

-

Quinci « del bel viso dagli angeli aspettato »

‘n cortesi madrigal i’ de ‘l doglioso Amor avea cantato.

Et poscia solo ‘n Vostr’occaso alma mia cotant’amata

perfezion Vostra i’ veggi’or da ‘l corpo affrancata !

-

‘n ciel quando Voi fuste i’ V’avertì tucta mia

et franca d’onni periglio la Vostr’alma pia.

Ette anchor possèttes’inframmischiar al mio Amor

tentazion gelosie o ver d’onne suspicione l’orror.

-

Le liriche le più stuggenti et ignite ‘n Vostra morte

cantai a l’aprirsi per Voi de ‘l empirio sancte le porte.

Or più non paventaiVi et fui tranquillo et securo

de ‘l Vostro spirtale possesso et aulico et puro.

-

Onde financo possetti far a Voi da ‘l ciel confessare

ch’in vita a me profferiste ‘l Vostro corpo da amare.

Ah cotanti furo doglios’i miei lai per Vostra la crudeltà

che felicitat’equaro superna per Vostra la diva beltà.

-

A ragionar astrinsiVi poscia ch’in vita cotanto mi amaste

m’al disimular con meror l’honor mio et il Vostro salvaste.

‘n vita meco medesmo soléste Voi la fallac’et ruvid’asprezza

ma ‘n secreto sitìa ‘l cor Vostro la mia tepente carezza.

-

‘n morte fuste Voi anchor più di me ‘namorata

de l’alma mia i’ la pace avea ergo salvata.

Onde martir fuste Voi rimembrata giusta la Storia

Monna Laura Cortes’Homaggio a la Vostra Memoria.

-

( *) Ovviamente chi scende dal piedistallo (allegoria) è la Donna Stilnovista, per una nuova

concezione poetica del Petrarca, che darà vita, appunto, ad una nuova concezione evolutiva

della donna: Laura!

(**) Con Dante si è realizzato il tipo del poeta-vate e del poeta-giustiziere. Con il Petrarca è

accantonato il vate, come pure il giustiziere, il poeta pedagogo, catechista, che si mischia a

lenoni, mestatori e accozzaglie del genere. Il nuovo poeta è solitario e cogitabondo e i più

deserti campi va misurando a passi tardi e lenti…( da enciclopedie varie).

-

 

 

 

 

 

 

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Mauro Montacchiesi.
Published on e-Stories.org on 03.06.2017.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Previous title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Amore e Romanticismo" (Poems)

Other works from Mauro Montacchiesi

Did you like it?
Please have a look at:

...tra le viole - Mauro Montacchiesi (Amore e Romanticismo)
What If - Johanna Döttelmayer (Amore e Romanticismo)
that life is such a maze ... - Inge Hoppe-Grabinger (Emozione)