Mauro Montacchiesi

Se avessi un tesoro

Ininterrottamente

dai

meandri del tempo

il riverbero

di una musica arcana

si snoda in un'anabasi

dai

gangli intricati

di un'Atlantide esoterica

dalle

paure ancestrali

di dover accettare

il fardello del tempo

che scorre veloce

inesorabile

dalle

paure ancestrali

delle amnesie del cuore

che si rifugia

tra le organze

di un cielo

rarefatto

remoto.

La tristezza

non ha autostrade

dove sfrecciare

non ha cieli

dove vorticosamente librarsi

ed è singolare il crogiolo

di liliaci abusi

di tetragone emozioni.

Se avessi un tesoro

lo regalerei

pur di tornare a libare

le emozioni

di un'antica radura

d'una pioggia silvana

delle carezze ricche di amore

di mia madre.

Un calabrone rumoreggia

tra policromi marosi di fiori

... la sua melodia intride

gli arcani del tempo

lacerato

da un merore stantio.

Se avessi un tesoro

lo regalerei

pur di tornare a libare

le incomprensioni con mio padre

... un uomo saggio

ma io

troppo giovane

non capivo

quando condannava il potere.

Forse in un lago spento

quei giorni

si sono inabissati

uomini così

forse più

non esistono!

Chissà!

@

@ 

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Mauro Montacchiesi.
Published on e-Stories.org on 06.06.2013.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Previous title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Amore e Romanticismo" (Poems)

Other works from Mauro Montacchiesi

Did you like it?
Please have a look at:

Neanche la bussola - Mauro Montacchiesi (Altro)
Promised man - Jutta Knubel (Amore e Romanticismo)
Die Stadt an drei Flüssen - Paul Rudolf Uhl (Vita)